Ricette cruelty-free: burro montato idratante corpo

La lista degli ingredienti per lo spignatto di oggi è un pochino più lunga del solito, ma in compenso il procedimento è sempre stra-stra-facile, giusto un filo più elaborato di quello che è servito per fare il burrocacao alla vitamina E.

L’altra differenza sta poi negli strumenti, perché oltre a fornello e pentolini, che servono per scaldare insieme olio e burri a bagnomaria, per questa ricettina qui ci vogliono anche il freezer e un frullino. Il risultato finale sarà una crema bianca molto soda, priva di siliconi e derivati dal petrolio. A un certo punto, mentre la preparavo e stavo lì a mischiare, la crema ha cominciato a diventare  talmente densa e soffice a vedersi che sembrava panna montata, e stavo seriamente per infilarci il dito e mangiarla. Oh, io che c’è questo rischio ve l’ho detto: spignattatore avvisato, mezzo salvato!

Questo burro montato alla vaniglia, che si usa come crema per il corpo, l’ho avvistato sul Tubo, e precisamente sul canale di Carlitadolce. Siccome qualche ingrediente mi mancava, tutti-ma-proprio-tutti non ce li ho messi e inoltre, già che c’ero, nella mia versione ho aggiunto anche un po’ di vitamina E. Allora faccio così: prima metto l’elenco originale, cioè gli ingredienti e le dosi che ho trovato nel videotutorial, e poi vi dico cos’è che ho cambiato io. Ok, vado?

Ingredienti ufficiali: burro di cacao (30 gr), burro di karitè (30 gr), olio di girasole bio spremuto a freddo (35 gr), Olys (25 gr), amido di riso (2 cucchiaini), vanillina (una bustina), oleoresina di vaniglia (10 gocce), fragranza di vaniglia.

Modifiche che ho fatto: il burro di cacao si può chiedere, per esempio, in pasticceria, ma siccome stavolta ho spignattato di domenica e quindi dovevo arrangiarmi sul momento con quello che avevo, ho risolto raddoppiando il burro di karitè; l’Olys, che si vende al Super ma non si trova facilmente, l’ho sostituito con un altro olio vegetale leggero, ovvero olio di riso; l’oleoresina non ce l’ho messa; infine, dicevo, ho aggiunto della vitamina E, attingendo al solito barattolo che avevo usato per fare il burrocacao per le labbra. Il resto ce l’avevo già perché si tratta di ingredienti comuni, compreso l’olio di girasole: il mio è quello ViviVerde della Coop, che appunto è spremuto a freddo.

Bene, con questo la parte più lunga è bell’e che fatta, nel senso che il procedimento, stringi stringi, si fa prima a farlo che a dirlo. Pronti? Via!

Mano agli ingredienti: si parte!

Si inizia pesando il burro di karitè (o i 2 burri), l’olio di girasole e l’Olys (che io appunto ho sostituito con l’olio di riso): questi ingredienti andranno quindi mischiati in una terrina e messi a bagnomaria. Mi raccomando: la terrina, se possibile, dovrebbe essere di vetro, e va sterilizzata prima dell’uso. Per sterilizzare i miei barattoli (etc.) di vetro di solito li faccio bollire in acqua, oppure in alternativa passo tutto con alcool a 90°, di quello da liquore: in questo caso, l’ho usato per pulire la superficie in metallo del bilancino prima di iniziare a pesare.

Olio di riso, a me!

Una volta sciolto il tutto a bagnomaria, la terrina piena si toglie dal fuoco e si lascia in freezer. Nel passaggio dal fornello al freezer l’ho lasciata a stemperare a temperatura ambiente, per evitare di metterla in frigo ancora calda. In 5 minuti circa il liquido si sarà un po’ addensato sul bordo: a questo punto si toglie dal freezer e si passa con il frullino, giusto il tempo di dargli una consistenza più soda e rimetterlo ancora un minutino in freezer.

Prima bagnomaria, poi freezer

Gli ultimi passaggi sono questi: tolto di nuovo dal freezer, il composto si frulla ancora aggiungendo, nell’ordine, amido di riso, vanillina, oleoresina e fragranza. Fra un’aggiunta e l’altra, bisogna frullare ogni volta: pronta!

P.S. Oltre all’INCI, occhio e ancora occhio alle etichette degli ingredienti: non compriamo i prodotti dei marchi che si appoggiano a laboratori di vivisezione.
P.S. 2 Sarà perché la famigerata oleoresina non ce l’ho messa e di fragranza ho usato una fialetta sola, non so, fatto sta che il profumo alla vaniglia non mi è venuto forte più di tanto. Se amate le profumazioni marcate, quindi, tenetene di conto per le vostre dosi. Baci baci!

Annunci

4 pensieri su “Ricette cruelty-free: burro montato idratante corpo

    1. Ciao Ransie, come crema è decisamente più indicata per la pelle del corpo, mentre sulla pelle del viso, più sottile e delicata, potrebbe essere assorbita con un rilascio successivo – specie per quanti riguarda quelle secche – un po’ oleoso (che tra l’altro darebbe lucidità, il che esteticamente parlando non è il top).

      A breve riprenderò a postare nuovi spignatti di base, fra cui creme specificatamente miscelate per il viso e trattamenti per capelli (i miei stanno arrancando per colpa dell’aria condizionata bestiale che abbiamo al lavoro…tocca correre ai ripari prima di restare pelata ahahahaha!;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...