Sfornando Kinder fetta al latte

C’è sempre una prima volta per tutto. La sottoscritta per esempio, ignara della dipendenza a cui si può andare incontro guardando video-tutorial sul tubo, è finita a sfornellare robe aliene mai viste prima dal suo forno. Davvero: io mica lo sapevo che ci sono appassionati di cucina che si cimentano nel tarocco di non so quanti merendini di marca e poi si mettono davanti alla webcam a spiegarti passo per passo come si fa.

Kinder fetta al latte casalinga immortalata prima di essere magnata :P

Stamattina, in virtù di cotanta scoperta, ho fatto colazione saccheggiando una teglia mignon di Kinder fetta al latte home made: buone sono buone e il sapore è quasi uguale, però secondo me va fatta qualche modifica alle dosi.

La ricetta che ho provato io, in realtà, non è l’unica versione in circolazione: mentre per il biscotto gli ingredienti sono quasi gli stessi ovunque, la farcitura infatti cambia da tutorialist a tutorialist. Siccome a casa ce li avevo già e facevo prima, per la mia crema di latte artigianale ho mischiato panna da montare e miele: in molti comunque, ho visto, al posto della panna usano il mascarpone.

Il procedimento è questo: si parte mischiando insieme 60 gr di albume (su per giù un paio), 60 gr di farina (setacciata), 60 gr di burro ammorbidito, 60 gr di zucchero semolato o a velo (meglio il secondo) e 3 cucchiaini di cacao amaro in polvere.

Occhio a mischiare bene: non devono rimanere grumi, pena sfornare una schifezza piena di pezzettoni di burro puro! XD

Una volta amalgamato per bene tutto e aver ottenuto un composto perfettamente omogeneo, si spalmano due rettangoli possibilmente uguali di impasto su altrettanti fogli di carta da forno.

La forma del biscotto si crea su un foglio di carta da forno

Per mescolare ho usato un cucchiaio grande, ma per spalmare ci ho dovuto rinunciare perché l’impasto è molto elastico e appiccicoso, e quando muovi l’impugnatura ti viene dietro tutto (carta compresa): meglio fare questo passaggio con la spatola per dolci. La buona notizia è che i rettangoloni vengono a strisce e bozze ma poi, finita la cottura, escono con una superficie perfettamente liscia.

La crema di farcitura è la cosa più veloce: ci vuole meno di un minuto

I due rettangoli vanno cotti a 200° per 4 minuti esatti in forno già caldo. Sfornate le sfoglie di biscotto, si va a preparare la farcitura lavorando insieme con la frusta elettrica 200 gr di panna e 2-3 cucchiaini di miele.

Dopo la stesura della farcitura, non resta che chiudere il dolce con la seconda sfoglia di biscotto e mettere tutto in frigo per un'oretta

Arrivati a questo punto, si spalma la crema di panna e miele su una sfoglia di biscotto (occhio a staccare la carta da forno senza strattoni o succede il danno), ci si appoggia sopra la seconda sfoglia per chiudere il dolce e poi si lascia tutto in frigo a rassodare per almeno un’oretta. Infine, si tagliano i bordi per dare una forma precisa e si taglia il rettangolone in rettangoli più piccoli, ognuno della dimensione di una Kinder fetta al latte di quelle serie 😉

Quando ho detto delle dosi da rivedere, mi riferivo più che altro alla farcitura: la crema che si ottiene alla fine è tantissima rispetto al biscotto, e ne avanza uno sbotto. La prossima volta quindi userò metà panna e metà miele, o sennò raddoppierò la quantità degli ingredienti per fare il biscotto. Siccome poi sono brocciona, ho dovuto tagliare parecchio bordo e mi sono venute fuori 4 fette invece di 6, ma questo ovviamente non mi ha impedito di dividere il bottino con Federico e raccogliere a caldo il suo parere di chef de noantri: secondo lui il sapore assomiglia all’originale per un buon 80% almeno, e per avvicinarcisi ancora di più suggerisce di aggiungere un filino-ino-ino di miele anche nel biscotto.

A partire da domani mi aspettano al varco 4 scoppiettanti mesi da pendolare e il tempo per spignattare sarà ancora più ridotto all’osso, ma considerando che il procedimento è una cavolata e fra ingredienti, mini-cottura ecc il tarocco mi costa meno della fetta confezionata, si vedrà di bissare e vedere se ha ragione. Indagheremo, gnam.

Annunci

4 pensieri su “Sfornando Kinder fetta al latte

  1. Io la crema al latte la faccio con: latte, buccia di limone, un po’ di farina e un po’ di zucchero. quando mi va aggiungo la panna, ma senza è più leggera. Ti suggerisco un giorno di provare il muhallabia, io ancora lo devo fare, ma amo tutte le cose che sanno di latte per dormire meglio *_*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...